SELECT p.id as id, p.fk_id_user, p.fk_category, DATE_FORMAT(p.data, '%d.%m.%Y') as data, DATE_FORMAT(p.data_inizio, '%d.%m.%Y') as data_in, DATE_FORMAT(p.data_scadenza, '%d.%m.%Y') as data_out, p.data_inizio, p.data_scadenza, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_titolo,'it','it') as titolo, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_abstract,'it','it') as estratto, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_text,'it','it') as corpo, p.url_picture, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_mk,'it','it') as metakey, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_md,'it','it') as metadesc, c.cat_it as cat FROM ar_posts p INNER JOIN ar_posts_categorie c ON p.fk_category = c.id WHERE p.published = 1 AND p.id = 0000000149
demo
ITA | ENG

Artistar - logo
demo

I lavori di Erwin Blumenfeld alla Galleria Carla Sozzani di Milano

Inizio evento 15.02.2014 | Fine evento 30.03.2014


articoli pubblicati: 0
opere pubblicate: 0

I lavori di Erwin Blumenfeld alla Galleria Carla Sozzani di Milano

 
La mostra “Blumenfeld Studio – New York 1941-1960” presenta i lavori che l'artista ha realizzato nel suo studio di Central Park a New York durante la Seconda Guerra Mondiale e i successivi anni del boom economico. Diversa la tipologia di opere: dalla fotografia di moda alle campagne pubblicitarie, dai ritratti di personalità, ai manifesti della propaganda, fino ai lavori sperimentali che oggi sono stati riconosciuti come significativi e determinanti per lo sviluppo della fotografia contemporanea.
 
 
Poco però si conosce del suo periodo americano e del suo studio di New York. Dopo essere fuggito dalla Francia occupata nel 1941 e stabilitosi a New York, Blumenfeld inizia a lavorare per la rivista Harper’s Bazaar e collabora con Carmel Snow e Diana Vreeland alla realizzazione di servizi di moda. 
È proprio in questo clima di crescita economica e con una stampa in piena espansione, che fiorisce il lavoro creativo, provocatorio e personale di Blumenfeld. Dopo soli tre anni negli Stati Uniti, è già uno dei più famosi e ben pagati fotografi del settore, così lo definisce il New York Times "una guida eccezionale dell’immaginario fotografico”.
 
La sua collaborazione con Vogue e con l’allora direttore Alexander Liberman, durata 15 anni, segna il culmine della sua carriera in America. Realizza oltre cinquanta copertine per Vogue US tra cui i ritratti di modelle famose e donne dell'alta società del tempo. Negli stessi anni lavora regolarmente con altre riviste americane come Life Magazine e Cosmopolitan e realizza importanti campagne pubblicitarie per alcuni clienti, tra cui Dior, Elizabeth Arden, Max Factor, L'Oréal e Helena Rubenstein.
 
 
Profondamente inventivo, sperimentatore e spesso in opposizione ai codici convenzionali, Blumenfeld sviluppa uno stile proprio, utilizzando il fotomontaggio, la solarizzazione, le diapositive a colori e un’infinità di tecniche ibride. 
 
Fin dall'inizio Blumenfeld è molto influenzato dall'idea della fotografia come arte. Spesso infatti traeva ispirazione dalla storia dell'arte, dal suo interesse per la grafica, e trovava il modo di citare i grandi pittori, ad esempio reinterpretando con un tocco di modernità l’opera di Vermeer La ragazza con l'orecchino di perla per Vogue US, o rifacendosi all’opera di Manet Bar des Folies Bergères per un servizio pubblicato su Harper’s Bazaar nel 1941.
 
 
La mostra curata da Nadia Blumenfeld Charbit, François Cheval e Ute Eskildsen e originariamente concepita per il Musée Nicéphore Niépce di Chalon-sur-Saône, in Francia, presenta oltre un centinaio di stampe perfettamente restaurate nei colori, riviste originali e alcuni ritagli di pubblicazioni storiche.
 
 

forse ti interessano...

FILIPPO MINELLI, PAYSAGE

UNA lieta di inaugurare la sua nuova sede con Paysage, mostra personale di Filippo Minelli. ...leggi


Enlightened stone

Kalpa Art Living presenta la nuova personale di Roberta Busato ...leggi


Interviewing Pauletta Brooks

She studied Arts at Hampshire College and The Fashion Institute of Technology. Her signature is ...leggi


EH! Milano Tango Fest

Festival Internazionale di Tango e Cultura argentina - Seconda Edizione 14 - 17 luglio 2022 - - ...leggi


Processo espositivo Rebus

Dal 18 gennaio al 16 febbraio 2013, un viaggio nell'inconscio, un affresco della psicologia del ...leggi


Interviewing Venetucci Rosamaria - Formedarte

Ranging between the different creative expressions and approaching goldsmith, which she has been ...leggi


Search and Destroy

Il concorso al di fuori di ogni paludamento accademico, che non chiede il parere delle Belle arti e ...leggi


SMART Cities & HYBRID Identities

Festival Internazionale di Video Arte, Fotografia, Computer Grafica, Architettura e Performing Art ...leggi




I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artistar.it Ulteriori informazioni