SELECT p.id as id, p.fk_id_user, p.fk_category, DATE_FORMAT(p.data, '%d.%m.%Y') as data, DATE_FORMAT(p.data_inizio, '%d.%m.%Y') as data_in, DATE_FORMAT(p.data_scadenza, '%d.%m.%Y') as data_out, p.data_inizio, p.data_scadenza, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_titolo,'it','it') as titolo, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_abstract,'it','it') as estratto, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_text,'it','it') as corpo, p.url_picture, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_mk,'it','it') as metakey, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_md,'it','it') as metadesc, c.cat_it as cat FROM ar_posts p INNER JOIN ar_posts_categorie c ON p.fk_category = c.id WHERE p.published = 1 AND p.id = 0000000429
demo
ITA | ENG

Artistar - logo
demo

The Kabakovs and the Avant-Gardes

Inizio evento 18.09.2016 | Fine evento 08.01.2017


articoli pubblicati: 0
opere pubblicate: 0

The Kabakovs and the Avant-Gardes

18 settembre 2016 – 8 gennaio 2017
Spazio -1. Collezione Giancarlo e Danna Olgiati
Un progetto di Ilya & Emilia Kabakov
Conferenza stampa: venerdì 16 settembre, ore 11:00
Inaugurazione: sabato 17 settembre, ore 18:00

Lo Spazio -1 Collezione Giancarlo e Danna Olgiati ospita dal 18 settembre 2016 all’8 gennaio 2017 una mostra dedicata a Ilya & Emilia Kabakov dal titolo “The Kabakovs and the Avant-Gardes”, che vede la coppia di artisti in dialogo con opere delle avanguardie storiche appartenenti alla Collezione Olgiati.



L’esposizione precede di un anno la grande retrospettiva che la Tate Modern di Londra consacrerà ai due grandi artisti russi nell’ottobre 2017.



“Ilya & Emilia Kabakov. The Kabakovs and the Avant-Gardes” prosegue la linea espositiva dello Spazio -1 collocandosi dopo la mostra personale dedicata all’artista italiano Giulio Paolini (settembre 2015) e la rassegna tematica “Sulla Croce” (marzo 2016). Il progetto scaturisce da un rapporto personale nato diversi anni fa tra i collezionisti Giancarlo e Danna Olgiati e i due artisti, già rappresentati dal 2012 nello Spazio -1 con tre significative opere.



Come consuetudine, l’approfondimento sarà accompagnato da un nuovo allestimento della Collezione Olgiati con opere inedite.
La mostra mette in relazione sette opere dei due grandi artisti russi con dipinti e disegni delle avanguardie storiche del primo Novecento provenienti dalla Collezione: dal cubofuturismo russo al suprematismo, passando per il futurismo italiano e l’astrattismo europeo, lo Spazio -1 propone un particolarissimo dialogo intellettuale.



Si potranno ammirare cinque grandi dipinti, una scultura e un’installazione di Ilya ed Emilia Kabakov accostati a grandi nomi delle avanguardie storiche fra cui, per citarne alcuni, Malevich, Kandinskij e Rodchenko tra gli artisti russi; Balla, Boccioni e Severini tra i futuristi italiani; Léger e Schwitters rappresentanti dell’astrattismo europeo.



L’allestimento concepito espressamente da Ilya Kabakov per la mostra di Lugano, si rivela essere uno straordinario omaggio dell’artista alla storia dell’arte con cui dialoga incessantemente, e in particolare alla Collezione Olgiati, con la quale c’è forte sinergia in termini di scelte artistiche e visione d’insieme.



Lo spazio perimetrale sarà occupato dalle opere dei Kabakov, mentre i dipinti delle avanguardie storiche troveranno collocazione su pareti temporanee collocate diagonalmente nella parte centrale dell’area espositiva, e saranno disposte a formare una griglia abitata al centro da una struttura a croce, secondo uno schema di chiara origine suprematista.



Dipinti che rappresentano i massimi esiti dell’astrazione europea vengono dunque inglobati in un allestimento ideato da uno dei maggiori protagonisti della contemporaneità.




Oltre ogni divisione cronologica o di genere, la mostra attiva un cortocircuito temporale, una grande sintesi che narra dell’arte e della storia, dei grandi sistemi sociali e culturali del secolo passato e della sopravvenuta frammentazione del nostro complesso presente.



Il catalogo della mostra “The Kabakovs and the Avant-Gardes” include un saggio critico di Robert Storr, curatore del MOMA di New York dal 1990 al 2002 e curatore della Biennale di Venezia del 2007, unitamente ad altri testi di approfondimento, nonché la riproduzione a colori di tutte le opere esposte.



Ilya & Emilia Kabakov

Ilya Kabakov nasce a Dnepropetrovsk, Unione Sovietica, nel 1933. Studia a Leningrado e, dal 1945, a Mosca, dove frequenta l'Istituto superiore delle arti e l'Istituto Surikov. Durante gli anni '50 e '60 lavora come artista e illustratore, si dedica alla pittura ed elabora le prime riflessioni teoriche che andranno ad alimentare il concettualismo moscovita. Nel 1987 fugge dall'Unione Sovietica per trasferirsi a Graz, in Austria dove ha inizio una nuova fase che lo vede impegnato in molteplici progetti internazionali basati sull’idea di "installazione totale". Nel 1988 ha inizio il sodalizio artistico con colei che diventerà sua moglie nel 1992, Emilia Lekach. Nata a Dnepropetrovsk nel 1945, frequenta il College di musica di Irkutst oltre a studiare lingua e cultura spagnola presso l’Università di Mosca. Nel 1973 emigra in Israele, due anni dopo si trasferisce a New York, dove è curatrice e mercante d’arte. Nella città americana i due iniziano a lavorare insieme dalla metà degli anni ‘90, proseguendo e rinnovando le ricerche artistiche intraprese da Ilya negli anni precedenti.



Le esperienze personali e i miti politici del totalitarismo animano le opere di Kabakov: disegni, dipinti, performance e installazioni fondono le narrazioni e le illustrazioni in un unico piano metalinguistico. Le installazioni di Ilya, e successivamente quelle nate dalla collaborazione con Emilia, costituiscono una preziosa testimonianza sulla nascita del regime sovietico e sulla sua decadenza, ed esprimono le profonde contraddizioni della società sovietica.



I Kabakov espongono regolarmente nei più prestigiosi musei e nelle gallerie di tutto il mondo.
Nell’ottobre 2017 la Tate Modern di Londra ospiterà una loro importante retrospettiva.
Insignito da numerosi premi e riconoscimenti, attualmente Kabakov è il più noto tra gli artisti russi, ed è annoverato tra i dieci artisti più importanti a livello internazionale secondo la prestigiosa rivista ArtNews.


Grazie alla sua insuperabile abilità nel codificare e interpretare la coscienza sovietica, è stato il primo artista russo della seconda metà del XX secolo ad assurgere al ruolo di art-star nel sistema dell’arte.
I Kabakov vivono a Long Island nei pressi di New York.



Spazio -1. Collezione Giancarlo e Danna Olgiati La Collezione Giancarlo e Danna Olgiati è parte del circuito museale del MASI Lugano, Museo d’arte della Svizzera italiana. La sua sede, Spazio -1, è adiacente al centro culturale LAC Lugano Arte e Cultura e ospita oltre 200 capolavori che spaziano dagli anni Cinquanta del Novecento al presente.



La collezione d’arte contemporanea Giancarlo e Danna Olgiati, concessa in deposito alla Città di Lugano nel 2012, viene proposta al pubblico in allestimenti sempre diversi unitamente a mostre temporanee dedicate all’approfondimento dell’opera di artisti inclusi nella raccolta.




Luogo
Spazio – 1
Collezione Giancarlo e Danna Olgiati
Lungolago Riva Caccia 1, 6900 Lugano

Orari
Venerdì - domenica: 11:00 – 18:00
Aperture straordinarie: da martedì 20 a giovedì 22 settembre 11:00 – 18:00
Ingresso gratuito

MORE INFO

forse ti interessano...

I maestri del Rinascimento Capolavori italiani.

Una grande mostra a San Paolo del Brasile, dal 13 luglio al 23 settembre 2013 e poi a Brasilia, dal ...leggi


Un grande percorso tra arte e musica

Dall’astrattismo spirituale di Wassily Kandinsky al silenzio illuminato di John Cage. In mostra ...leggi


Din-Design In 2016 ha i numeri giusti!

Annunciamo la conclusione della quarta edizione di Din-Design In, evento espositivo organizzato da ...leggi


Marquise di Paola Paleari

Un mondo, quello di Paola Paleari, pieno di visioni forti; di rossi violenti e passionali, di neri ...leggi


Interviewing AMarin Jewelry

She received a financial education but was always interested in art and design. "M1" is her first ...leggi


Floriana Creazioni: la ricerca di materiali naturali.

Ogni oggetto è creato meticolosamente dalle mani di Floriana in maniera interamente artigianale, ...leggi


MArteLive! - BiennaleMArteLive!

Se sei un artista tra i 18 e i 39 anni e non riesci ad emergere come vorresti, iscriviti al ...leggi


AGORÀ: Miniartextil a Parigi

AGORÀ: Miniartextil, Mostra Internazionale d'arte Tessile Contemporanea a Parigi ...leggi




I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artistar.it Ulteriori informazioni