SELECT p.id as id, p.fk_id_user, p.fk_category, DATE_FORMAT(p.data, '%d.%m.%Y') as data, DATE_FORMAT(p.data_inizio, '%d.%m.%Y') as data_in, DATE_FORMAT(p.data_scadenza, '%d.%m.%Y') as data_out, p.data_inizio, p.data_scadenza, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_titolo,'it','it') as titolo, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_abstract,'it','it') as estratto, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_text,'it','it') as corpo, p.url_picture, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_mk,'it','it') as metakey, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_md,'it','it') as metadesc, c.cat_it as cat FROM ar_posts p INNER JOIN ar_posts_categorie c ON p.fk_category = c.id WHERE p.published = 1 AND p.id = 0000000862
demo
ITA | ENG

Artistar - logo
demo

Jack Pierson - Museo Ettore Fico

Inizio evento 05.11.2021 | Fine evento 19.12.2021


articoli pubblicati: 0
opere pubblicate: 0

Jack Pierson -  Museo Ettore Fico

 
Per questa sua prima mostra personale in un museo in Italia, l’artista ha optato per una scelta estremamente radicale indirizzando tutta l’attenzione del pubblico sul lavoro delle installazioni costruite con lettere e frasi. Le 14 opere realizzate espressamente per questa mostra - e mai esposte in Italia - rappresentano un corpus unitario e posizionano la scelta artistica di Pierson verso una via più concettuale che figurativa.
Questa serie, definita Word Sculptures e iniziata nel 1991, utilizza oggetti abbandonati e recuperati da vecchie insegne di cinema, di supermercati, di casinò e da insegne pubblicitarie di fabbriche dismesse. Questa serie crea frasi e semplici parole che propongono molteplici significati ed evocano immagini personali nello spettatore. La loro estetica ha radici profonde nella cultura Pop degli anni Sessanta e lo stesso utilizzo di oggetti desunti dalla quotidianità la riconducono a grandi artisti come Rauschenberg e Warhol.
 
 
Va detto che tutte le lettere utilizzate sono espressioni della produzione industriale del nostro tempo. Che siano forme semplici o barocche, appartengono tutte all’estetica del lettering utilizzato per l’arredo urbano e per le insegne che popolano le strade di tutte le città del mondo. 
La loro familiarità e la loro desuetezza, sono il simbolo evidente del consumismo che affligge la nostra epoca e il nostro tempo. La ruggine, la corrosione e le scolorature delle vernici non sono altro, quattrocento anni dopo, che le stesse erosioni del tempo nelle mele e nelle foglie della canestra di frutta di Caravaggio. Questa dissolvenza degli oggetti e il loro trascolorare fantasmatico, riporta lo spettatore in un mondo nostalgico. È chiaro che tutto riaffiara dal tempo trascorso e che nulla potrà riportare in vita l’oggetto e la sua funzione. Ormai, come frammenti di un relitto alla deriva, le lettere fluttuano sulle pareti intonacate delle gallerie e dei musei, il loro vagare nello spazio appare approdato ormai in un luogo sicuro, ma nulle è eterno e, forse, loro intraprenderanno ancora altri viaggi. La loro estetica dimessa è comunque elegante e tutto viene ulteriormente nobilitato dai significati dati alle lettere composte in parole talvolta anche in frasi. Sono esclamazioni, frammenti di conversazioni raccolti o rubati dalla strada, frasi fatte o semplici accenni. La loro applicazione sui muri è determinata da un’estetica precisa e l’artista le 
dispone come i fiori di un ikebana. L’eleganza della loro disposizione colloca le sue scritture nello spazio della vita reale rendendo poesia, haiku, ciò che per altri sono solo inutili scarti industriali.
 
 
Biografia
 
Jack Pierson (Plymouth, 1960) è un artista americano conosciuto soprattutto per le sue fotografie sia in campo artistico che in campo pubblicitario, egli è noto nelle gallerie internazionali per le sue installazioni di frasi e parole assunte da insegne pubblicitarie dismesse.
La sua serie fotografica più conosciuta “Self Portrait” del 2004 è stata esposta al Whitney Museum di New York consacrandolo come uno dei più importanti artisti della sua generazione.
Attivo nel gruppo conosciuto come Boston School fin dagli anni Ottanta, è spesso accomunato a David Armstrong, Philip-Lorca diCorcia, Nan Goldin, Mark Morrisroe e i fratelli Doug e Mike Starn determinando, con loro, la poetica della fotografia americana di questo nuovo secolo in cui, la registrazione della quotidianità e della sfera affettiva della famiglia, dei compagni e degli amici, è parte principale e fondamentale.
Le sue opere fanno parete delle collezioni dei seguenti musei: Museum of Contemporary Art Miami, San Francisco Museum of Modern Art, MoMA New York, Whitney Museum New York, Metropolitan New York, Museum of Contemporary Art Chicago, Art Institute Chicago, Los Angeles Museum of Contemporary Art e altri.
La mostra è stata realizzata in collaborazione con la Galleria Thomas Brambilla di Bergamo.

forse ti interessano...

Voyage / Voyage

Dall’azione del viaggiare, a quella del trasportare, la mostra si sviluppa nello spazio espositivo, ...leggi


IL PARADIGMA DI KUHN

Un progetto di Ettore Favini, Esther Biancotti e Jacopo Figura con un testo di Rossella Farinotti, ...leggi


Domus Talenti

La Domus Talenti è uno spazio policulturale e polifunzionale. ...leggi


Qeeboo collabora con la fashion photographer Elena Iv-skaya

Sin dal 2016 il brand di Stefano Giovannoni è stato caratterizzata da uno stile unico ed ...leggi


BANG! Nuove Generazioni Fotografiche

Inaugura la mostra collettiva fotografica, a cura di Tiziana Tommei, interna al progetto omonimo ...leggi


Andrea Mori

in mostra dal 22 febbraio al 22 marzo 2022 da martedì a sabato h. 16 - 19 ...leggi


La trasformazione dei gioielli scultorei di Valerie Ostenak

La forza e la tenerezza dell'acciaio creano liane graziose e dolci viticci attorno al corpo ...leggi


ALBERTO BURRI: Lo Spazio di Materia – tra Europa e U.S.A.

Una vasta ricognizione relativa alle più significative tendenze dell’arte contemporanea del secondo ...leggi




I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artistar.it Ulteriori informazioni