SELECT p.id as id, p.fk_id_user, p.fk_category, DATE_FORMAT(p.data, '%d.%m.%Y') as data, DATE_FORMAT(p.data_inizio, '%d.%m.%Y') as data_in, DATE_FORMAT(p.data_scadenza, '%d.%m.%Y') as data_out, p.data_inizio, p.data_scadenza, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_titolo,'it','it') as titolo, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_abstract,'it','it') as estratto, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_text,'it','it') as corpo, p.url_picture, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_mk,'it','it') as metakey, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_md,'it','it') as metadesc, c.cat_it as cat FROM ar_posts p INNER JOIN ar_posts_categorie c ON p.fk_category = c.id WHERE p.published = 1 AND p.id = 0000000211
demo
ITA | ENG

Artistar - logo
demo

Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell’Ottocento

Inizio evento 09.10.2014 | Fine evento 09.01.2015


articoli pubblicati: 0
opere pubblicate: 0

Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell’Ottocento

Presentata a Palermo Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell’Ottocento, una esposizione di oltre 100 opere, sul tema del paesaggio, di artisti siciliani o stabilmente attivi in Sicilia, curata da Sergio Troisi e Paolo Nifosì e promossa dalla Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo,  presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele.
 
 
La mostra, ospitata dalla Fondazione Sicilia negli spazi espositivi di Villa Zito e organizzata da Civita Sicilia, apre al pubblico il 9 ottobre 2014 e chiude i battenti il 9 gennaio del 2015.
“La mostra «Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell’Ottocento» è un progetto imponente su cui stiamo lavorando da molto tempo, ed è unica nel suo genere, in quanto per la prima volta vengono riuniti in una sola mostra pittori esclusivamente siciliani o stabilmente attivi in Sicilia, che raffigurano la loro terra affrancandosi progressivamente dalle influenze romantiche del Grand Tour, per abbracciare una rappresentazione più verista e attenta sia alla natura che alla storia di quest’isola – sottolinea il Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro - Italia e Mediterraneo – Si tratta di un excursus artistico di alto valore che, privilegiando la pittura vedutista e la sua evoluzione tra i primi dell’Ottocento e la Grande Guerra, offre al visitatore l’essenza della Sicilia del XIX secolo, attraverso i suoi paesaggi a volte aspri, a volte struggenti, attraverso i profili della maggiori città (tra cui la mia Palermo) e dei loro dintorni, attraverso la raffigurazione delle principali attività dell’uomo, dalla pesca all’agricoltura, fino al lavoro nelle miniere. Essa completa il percorso dedicato quest’anno dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo, già Fondazione Roma-Mediterraneo, all’arte in Sicilia, iniziato a luglio scorso con l’importante rassegna sui pittori siciliani del Novecento presso l’ex Stabilimento Florio delle Tonnare a Favignana.
 
 
 
La nostra Fondazione e la Fondazione Sicilia, con la quale abbiamo avviato una interlocuzione di grande interesse, sono la testimonianza più realistica e vivente della validità dell’intuizione che alcuni anni fa ha portato a destinare le risorse nei campi della salute, della ricerca scientifica, dell’aiuto ai meno fortunati, dell’istruzione e della cultura”. 
 
 
All’interno dell’elegante allestimento progettato da Corrado Anselmi, l’esposizione si articola in sei aree tematiche che presentano i luoghi che la pittura ottocentesca siciliana predilige, con particolare attenzione al paesaggio costiero e a quello interno.  Ad esse si affiancano una sezione dedicata ai disegni con un corpus proveniente dalla Galleria Regionale di Palazzo Abatellis e una dedicata alla fotografia con opere della Fondazione Alinari e di collezioni private.
 
 
Per la prima volta una esposizione presenta e valorizza anche i pittori che hanno operato nella Sicilia orientale insieme a quelli, più noti, della Sicilia occidentale. Tra le opere in mostra, la grande tela di Francesco Lojacono Dall’Ospizio marino, in prestito dalla Galleria Nazionale d’Arte Moderna; Al sole di Ettore De Maria Bergler e, dello stesso autore, Conca d’oro proveniente dalla veneziana Galleria d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro; l’imponente dipinto di Francesco Ardizzone Mancini Marina di Acireale. Rappresentati inoltre quasi tutti gli autori importanti della pittura ottocentesca siciliana, con opere provenienti sia da collezioni pubbliche che private: Giuseppe Patania, Tommaso Riolo, Francesco Zerilli, Giuseppe Sciuti, Antonino Leto, Michele Catti. Esposti anche numerosi dipinti da poco rinvenuti nel mercato antiquario come Tramonto sulla costa e Le guardianelle di Francesco Scarpinato. 
 
 
“Sebbene nella tradizione artistica isolana il genere paesaggistico sia assente o del tutto minoritario sino a buona parte del XVIII secolo – afferma Sergio Troisi, curatore della mostra - la letteratura di viaggio del Grand Tour e la ricca produzione di stampe a corredo avevano già individuato un repertorio di luoghi e fissato una iconografia ampiamente diffusi presso il pubblico colto europeo. Questa visione, nel corso dell'Ottocento, verrà assimilata dai pittori isolani, che la immetteranno in una nuova sensibilità moderna, tra Romanticismo e Positivismo, in accordo con le tendenze del gusto nazionale e internazionale del tempo. La mostra copre un arco temporale ampio, che va dalla costituzione del Regno delle Due Sicilie sino all’epilogo della Prima Guerra Mondiale  riconoscendo in questa vicenda artistica dei caratteri relativamente omogenei. Un secolo quindi, durante il quale gli artisti siciliani, partendo inizialmente dai topoi figurativi della cultura neoclassica e del primo Romanticismo, mettono progressivamente a fuoco una modalità immaginativa del paesaggio che, pur nel legame profondo con i modi della pittura europea, ė tuttavia satura della percezione consapevole della natura e della storia siciliane, cosi come avveniva contemporaneamente in altri ambiti, primo tra tutti quello storiografico.” 
 
 
“Alla costruzione ideologica e valoriale del paesaggio siciliano concorrono infatti diverse voci, anche contraddittorie – aggiunge l’altro curatore Paolo Nifosì - l'esaltazione di una coscienza nazionale di stampo romantico, il fitto scambio linguistico con la geografia artistica nazionale e internazionale, anche grazie al moderno sistema di mostre che mette in rete, soprattutto dopo l'Unità, Roma, Firenze, Napoli, Torino, Milano ma anche Parigi, Vienna e Monaco; l'attività degli ateliers fotografici; la grande stagione della letteratura siciliana di Verga, Capuana, De Roberto e, infine, Pirandello”.
 
 
 
L’esposizione riapre parzialmente Villa Zito che da febbraio del prossimo anno, completati i restauri del secondo piano, è destinata a ospitare la collezione permanente della Fondazione Sicilia. “Questa Villa – ha affermato il suo Presidente Prof. Giovanni Puglisi – è nel vissuto visivo dei palermitani per molti dei quali rappresenta una memoria e un rimpianto della Palermo felicissima. Oggi grazie a un palermitano d’alto mare, Emmanuele Emanuele, e alla Fondazione Terzo Pilastro che ci ha generosamente offerto questa straordinaria mostra, riapriamo le porte di quella che diventerà la casa dell’arte pittorica di Palermo, una città che sempre più ha bisogno di sentir parlare di bellezza”.
 
Scheda informativa
 
Titolo 
Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell’Ottocento 
Palermo, Villa Zito via Libertà 52 – Palermo
 
Periodo
9 ottobre 2014/9 gennaio 2015
 
Orari di apertura
martedì – domenica ore 10 – 13, 16-20. Lunedì chiuso
 
Ingresso gratuito

forse ti interessano...

Concept Store - Artistar Jewels 2018

Nell'iniziativa 2018 sono coinvolti infatti diversi concept store internazionali che sceglieranno ...leggi


“Stati vitali” di Vito Lentini

Dopo il successo delle mostre meneghine dell'anno passato, Vito Lentini torna con un nuovo progetto ...leggi


“Mostra tributo a MARIO SCHIFANO”

Il Centro d'arte Raffaello è lieto di ospitare la personale dell'artista “Mario Schifano”, ...leggi


Interviewing Malin Jansson

She was educated in Norway, Australia and at HDK - School of Design and Crafts in Gothenburg, where ...leggi


Young At Art 2013

Il MACA, in collaborazione con l'associazione Oesum Led Icima, ha indetto la seconda edizione del ...leggi


LXIV Premio Cascella 2020: ecco i vincitori

Anche quest'anno è tornato in forma di Arte Pubblica il Premio 'Basilio Cascella', dal 1955 uno dei ...leggi


Artistar Jewels 2017

Artistar Jewels apre ufficialmente le porte al gioiello contemporaneo internazionale e svela le ...leggi


With or Without You Il San Valentino Pop

Via Vittoria Colonna 9 Roma, 13/02/2021 - 30/04/2021 Gli artisti Marcello Maugeri, Irem Incedayi, ...leggi




I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artistar.it Ulteriori informazioni