SELECT p.id as id, p.fk_id_user, p.fk_category, DATE_FORMAT(p.data, '%d.%m.%Y') as data, DATE_FORMAT(p.data_inizio, '%d.%m.%Y') as data_in, DATE_FORMAT(p.data_scadenza, '%d.%m.%Y') as data_out, p.data_inizio, p.data_scadenza, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_titolo,'it','it') as titolo, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_abstract,'it','it') as estratto, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_text,'it','it') as corpo, p.url_picture, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_mk,'it','it') as metakey, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_md,'it','it') as metadesc, c.cat_it as cat FROM ar_posts p INNER JOIN ar_posts_categorie c ON p.fk_category = c.id WHERE p.published = 1 AND p.id = 0000000802
demo
ITA | ENG

Artistar - logo
demo

“Come funamboli sul filo sospesi”

Inizio evento 05.06.2021 | Fine evento 12.09.2021


articoli pubblicati: 0
opere pubblicate: 0

“Come funamboli sul filo sospesi”

La mostra è promossa dal Comune di San Severino Marche con i patrocini di: Ministero della Cultura, Consiglio Regionale delle Marche, Provincia di Macerata, Accademia di Belle Arti di Macerata, Università degli Studi di Macerata, Università degli Studi di Camerino, Unione Montana Potenza Esino Musone, Arcidiocesi di Camerino - San Severino Marche, Fondazione Salimbeni per le Arti Figurative, Fondazione Claudi.

 

 

Sabato 5 giugno alle ore 17.30, a Palazzo della Ragione Sommaria e nella adiacente Chiesa della Misericordia (Piazza del Popolo), San Severino Marche (MC), inaugura la mostra Come funamboli sul filo sospesi. Un evento che vede coinvolti due artisti, Paolo Gobbi e Adriano Crocenzi, in un dialogo tra i loro modi differenti di vivere l'arte, nelle opere realizzate negli ultimi tre anni.

Entrambi hanno accumulato più di trent'anni di esperienza nella produzione visiva, lungo percorsi paralleli che li hanno portati a seguire differenti vie d'espressione. La ricerca di Paolo Gobbi lo ha condotto ad un'arte razionalmente determinata, caratterizzata da una prolifica ricerca grafico/pittorica fortemente orientata verso una riflessione semantica ed estetica. Adriano Crocenzi ha sviluppato una forma artistica eclettica ed irrequieta, più in linea con il suo carattere, ed ha sperimentato vari ambiti: pittura, scultura, ceramica e produzione orafa.

In questa “mostra-confronto” tra i due protagonisti, possiamo vedere percorsi fenomenici dagli sviluppi differenti, ma sempre in contatto tra di loro: fisicità e leggerezza, materialità ed astrazione. Le sculture aggrovigliate e polimateriche di Crocenzi approdano al «segno del primitivismo astratto e dell’informale, con il definitivo rifiuto di ogni tradizione figurativa. L’artista elabora un proprio linguaggio visuale che gli consente di tradurre le idee in forme dal pregnante valore simbolico, capaci di risalire alle radici della nostra civiltà planetaria per proiettarsi verso il futuro. È il ritorno alla materia, dal ferro alla pietra, per creare opere da cui sprigiona una energia vitale a volte ingentilita dall’argento, dalla pietra dura, dalla pasta di vetro policromatica» (Alberto Pellegrino).

Di altra natura è l'opera di Gobbi. I suoi dipinti su tela, mailor o legno, le carte e le vecchie cartelle d'archivio rielaborate, esposte come “reperti” di un passato recente, creano «reticolati di possibili vie di fuga e di ritorni, leggeri affioramenti di pittura, con tutta evidenza, memori di un astrattismo narrativo di primo Novecento, spingono emotivamente lo spettatore in un continuo orizzonte di attese» (Maria Letizia Paiato). Nel corso del tempo il suo lavoro ha proceduto per sottrazione ed alleggerimento, ma tale percorso della decurtazione «non prescinde dalla ricerca costante dei materiali, delle forme e del colore tenuto volutamente sotto registro per dare risalto ad ogni minima variazione o densità. Una maestria percepita ma non ostentata» (Giuliana Pascucci). Il cammino dell'artista è un grande archivio di esperienze nel tempo, personale e collettivo, individuale e non, dove «ciò che conta non è la corrispondenza tra interno ed esterno, tra l’opera e le apparenze fenomeniche, ma è tenere lo spettatore col fiato sospeso, in pericolante equilibrio sul filo sottile e incerto che separa i codici della realtà dai dispositivi della finzione, per affermare i diritti fondamentali del linguaggio della Pittura» (Massimo Vitangeli).

 

 

SCHEDA TECNICA

Titolo mostra: Come funamboli su filo sospesi

Vernissage: sabato 05 giugno 2021 ore 17.30

Durata: dal 05 giugno 2021 al 12 settembre 2021

Orario: giovedì ore 16/19; venerdì, sabato, domenica e festivi ore 10.00/12.30 – 16.00/19:00

Autori: Paolo Gobbi / Adriano Crocenzi

Genere: Arte contemporanea

Spazi espositivi: Palazzo della Ragione Sommaria e Chiesa S.Maria della Misericordia, San Severino Marche (MC)

Progetto allestimento: Shura Oyarce Uzzelli

Catalogo editato dall'Amministrazione Comunale di San Severino Marche, con testi critici di:

Maria Letizia Paiato, Giuliana Pascucci, Alberto Pellegrino, Massimo Vitangeli

Progetto grafico: Simona Castellani Documentazione fotografica: Emanuele Bajo

Per informazioni:

Ufficio Cultura – Piazza del Popolo, San Severino M. 0733.641309 ufficiocultura@comune.sanseverinomarche.mc.it

Pro Loco – Ufficio IAT Piazza del Popolo, San Severino M. 0733.638414

proloco.ssm@gmail.com

Ufficio Stampa: Marcella Russo - 0039 349 3999037 - press@rp-press.it - http://www.rp-press.it

forse ti interessano...

BLU DIPINTO DI BLU

Dopo la preview durante la settimana dedicata al Festival di Sanremo, l’hotel Miramare the Palace ...leggi


Enrico Colombotto Rosso. Il Genio Visionario

Sede: Pinacoteca Civica di Palazzo Vittone Piazza Vittorio Veneto – Pinerolo (Torino) Periodo ...leggi


“Guerra ai poveri"

Dal 22 febbraio al 19 marzo 2021, dal lunedì al venerdì ore 16.30 - 19.00 - Galleria Bruno Lisi ...leggi


YICCA 20/21 - International Contest of Contemporary Art

L’obiettivo del concorso è quello di promuovere gli artisti iscritti, dando la possibilità agli ...leggi


Interviewing Fernanda Manco

The artist is a designer graduated at PUC-GO. Methodology is the key to her jewellery design ...leggi


I gioielli proiettati nel futuro di Veronica Caffarelli

La giovane designer del gioiello Veronica Caffarelli - che ha esposto le sue creazioni anche in ...leggi


Art for women - Le donne nutrono il pianeta

Torna l'ottava edizione MostraEvento di Art For Women - Le donne nutrono il pianeta. Iniziativa ...leggi


Italo Zuffi - Fronte e retro

A cura di Lorenzo Balbi e Davide Ferri Mostra promossa da ART CITY Bologna 2022 Banca di Bologna ...leggi




I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artistar.it Ulteriori informazioni