SELECT p.id as id, p.fk_id_user, p.fk_category, DATE_FORMAT(p.data, '%d.%m.%Y') as data, DATE_FORMAT(p.data_inizio, '%d.%m.%Y') as data_in, DATE_FORMAT(p.data_scadenza, '%d.%m.%Y') as data_out, p.data_inizio, p.data_scadenza, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_titolo,'it','it') as titolo, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_abstract,'it','it') as estratto, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_text,'it','it') as corpo, p.url_picture, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_mk,'it','it') as metakey, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_md,'it','it') as metadesc, c.cat_it as cat FROM ar_posts p INNER JOIN ar_posts_categorie c ON p.fk_category = c.id WHERE p.published = 1 AND p.id = 0000000864
demo
ITA | ENG

Artistar - logo
demo

OMAR GALLIAN - IL DISEGNO NON HA TEMPO

Inizio evento 09.10.2021 | Fine evento 31.12.2021


articoli pubblicati: 0
opere pubblicate: 0

OMAR GALLIAN - IL DISEGNO NON HA TEMPO

 
Un nuovo grande appuntamento per Omar Galliani, con la personale che il Museo MARCA di Catanzaro gli dedica dal 9 ottobre al 31 dicembre 2021.
Il disegno non ha tempo, a cura di Vera Agosti, è il titolo della mostra scelto per sottolineare il ruolo primario del disegno nell’opera di Galliani e la sua stessa eternità. Nella produzione del maestro, infatti, esso non è bozzetto o lavoro preparatorio, ma opera unica, che affonda le sue radici nel Rinascimento ed è fatto di costante dialogo, amore, studio e confronto con gli antichi maestri.
Un linguaggio, quello di Galliani, in cui il disegno assume forme monumentali – il disegno “infinitissimo” da lui ideato – e trae ispirazione, oltre che dalla classicità, anche dagli artisti della contemporaneità, come Gino De Dominicis, Robert Longo e Troy Brauntuch, nutrendosi inoltre di suggestioni derivanti dalla moda, dal cinema (sue fonti di ispirazione i registi Michelangelo Antonioni, Wim Wenders, Robert Altman) e dagli innumerevoli viaggi da lui fatti in giro per il mondo, in primis in Asia, che contribuiscono a contaminare il suo immaginario. La componente concettuale, d’altro canto, è sempre presente, in maniera più o meno velata.
 
«Quando un maestro come Omar Galliani afferma che il disegno non ha tempo, frase scelta come titolo della mostra presso il Museo Marca di Catanzaro, ci possiamo ben credere. Chi meglio di lui, che ha saputo nobilitare l’arte disegnatoria, imponendosi a livello internazionale, può spiegarci l’eternità di quest’antica pratica? Il disegno sopravvive al suo creatore e resiste nel tempo. […]
Il disegno di Galliani ha un suo proprio tempo, dilatato come le sue dimensioni. L’artista decise di amputarsi metaforicamente una mano, come lui stesso racconta, per dedicarsi soltanto al disegno, pur avendo ottenuto risultati straordinari anche nella pittura, inventando poi il suo “disegno infinitissimo”, che diventa opera unica, immensa e monumentale, la gloria del disegno stesso. Per realizzarla, occorrono ore e ore, giorni e giorni di duro lavoro, fatica e concentrazione, accompagnati dallo sforzo fisico. La pressione sanguigna muta, variando l’intensità del segno, sulla pagina bianca o sulla tavola di pioppo, talvolta incisa o graffiata. Il legno, nel tempo, modificherà l’aspetto dell’opera, così come l’azione del sole. Il lavoro è la religione di Omar Galliani e il disegno è il suo mantra, recitato con costanza quotidiana […].» scrive Vera Agosti in “Omar Galliani: L’eternità del disegno”, pubblicato sul volume Prearo Editore.
 
 
In mostra sono presenti grandi opere significative del suo percorso: da un primo disegno del 1977, Dalla bocca e dal collo del foglio, alla pittura degli anni ‘80, con importanti lavori storici, come Cavalieri d’Ellissi, presentato alla Biennale di Venezia del 1986, e Cadmio dello stesso anno, fino al grande Mantra per Laura del 1999. Quindi la ricca produzione dagli anni 2000 in poi (La principessa Lyu Ji nel suo quindicesimo anno di età, 2008; Omar Roma Amor, 2012; Per Santa Teresa D’Avila, 2016) e i pezzi più recenti (Floralia, 2019; De rerum natura, 2020), quelli sui notturni di stelle (il trittico Nella costellazione di Orione, 2019; Siderea, 2020) e i lavori dedicati alla pandemia (Baci rubati/Covid 2019). Esposti anche due inediti del 2021 (Chlorophelia e NGC/7419). Un percorso di forte impatto emozionale che ci parla dei grandi temi dell’uomo: la natura, la vita, l’arte, la pandemia, la morte, la santità, giocato in particolare sul bianco candido della tavola di pioppo e il nero scintillante e misterioso della grafite.
 
L’esposizione, promossa da Provincia di Catanzaro, Museo MARCA e Fondazione Rocco Guglielmo, è realizzata con il contributo di Phidias Antiques. L’inaugurazione si terrà sabato 9 ottobre alle ore 18.30, alla presenza dell’artista, della curatrice e di Rocco Guglielmo, direttore artistico del Museo MARCA. Accesso consentito ai visitatori muniti di mascherina e certificazione verde Covid-19 (Green pass) sino ad esaurimento dei posti disponibili. Accompagna l’esposizione, un volume della Prearo Editore, a cura di Vera Agosti, con un saggio critico della curatrice, un’intervista e una poesia di Teodolinda Coltellaro, membro del comitato scientifico del Museo MARCA.
 
 
Omar Galliani. Il disegno non ha tempo
a cura di Vera Agosti
 
9 ottobre – 31 dicembre 2021
Inaugurazione: sabato 9 ottobre, ore 18.30
 
Museo MARCA
Via Alessandro Turco 63, Catanzaro
 
Orari: 9.30-13.00 e 15.30-20.00, chiuso il lunedì, chiuso 25 dicembre
Ingresso intero Euro 4,00, ridotto Euro 3,00 (richiesti Green pass e mascherina)
 
Info: T. +39 0961 746797
info@museomarca.com
www.museomarca.info
 
Approfondimenti:
Archivio Omar Galliani
www.omargalliani.com

forse ti interessano...

Chibimart, a Novembre il bijoux è a Milano

Dal 14 al 17 novembre in fieramilanocity , sarà di nuovo in scena Chibimart Inverno con ...leggi


The Superficial Essence of a Deep Appearance

La Galleria ARTRA è lieta di annunciare la presentazione della mostra The Superficial Essence of a ...leggi


“We Are Humans” - Cortona On The Move

Cortona apre le porte all’undicesima edizione del festival internazionale di visual narrative ...leggi


BANG! Nuove Generazioni Fotografiche

Inaugura la mostra collettiva fotografica, a cura di Tiziana Tommei, interna al progetto omonimo ...leggi


Interviewing Angela Simone

Born in Liguria, she moved to Milan in 1983, where she attended the graphic course at IED. She is ...leggi


Mario Merz La natura è l’equilibrio

La mostra vuole creare sì una riflessione espositiva fatta di immagini, ma anche e soprattutto una ...leggi


C’est la Vie di Carlo Migliorini

Mostra personale dell’artista Carlo Migliorini, organizzata da Made4Art in collaborazione con il ...leggi


Tempi B.U.I. - Bestiario Urbano Immaginario

Burning Giraffe Art Gallery presenta a Torino la sua prima mostra collettiva dedicata ad artisti ...leggi




I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artistar.it Ulteriori informazioni