SELECT p.id as id, p.fk_id_user, p.fk_category, DATE_FORMAT(p.data, '%d.%m.%Y') as data, DATE_FORMAT(p.data_inizio, '%d.%m.%Y') as data_in, DATE_FORMAT(p.data_scadenza, '%d.%m.%Y') as data_out, p.data_inizio, p.data_scadenza, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_titolo,'it','it') as titolo, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_abstract,'it','it') as estratto, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_text,'it','it') as corpo, p.url_picture, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_mk,'it','it') as metakey, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_md,'it','it') as metadesc, c.cat_it as cat FROM ar_posts p INNER JOIN ar_posts_categorie c ON p.fk_category = c.id WHERE p.published = 1 AND p.id = 0000000588
demo
ITA | ENG

Artistar - logo
demo

De Calder à Koons - la collection idéale de Diane Venet

Inizio evento 00.00.0000


articoli pubblicati: 0
opere pubblicate: 0

De Calder à Koons - la collection idéale de Diane Venet

Con la grande esposizione  De Calder à Koons - la collection idéale de Diane Venet, il Musée des Arts Décoratifs di Parigi, installato nel palazzo del Louvre, apre le porte ad una delle più importanti collezioni di bijoux d’artistes al mondo. Accanto ad artisti del calibro di Picasso, Alexander Calder, Damien Hirst, presente nella collezione e nella mostra anche Faust Cardinali, parigino di nascita e toscano di adozione, avendo da qualche anno stabilito il suo atelier alla Verna.
 
 
Diane Venet, che ha collezionato gioielli per oltre trent'anni, condivide la sua passione per queste opere in miniatura che spesso riecheggiano il linguaggio formale dell'artista. La sua collezione di circa 230 pezzi, completata da prestiti eccezionali da gallerie, collezionisti e famiglie di artisti, illustra cronologicamente e tematicamente il lavoro di 150 artisti francesi e stranieri. Dal 7 marzo all'8 luglio 2018, la collezione di gioielli di Diane Venet sarà esposta in una mostra progettata dall'architetto d'interni Antoine Plazanet e dai grafici ÉricandMarie.
 
 
L'opera di Faust Cardinali è a metà tra scultura e oreficeria, che si impone per la sua originalità spesso provocatoria, come nel caso di « Garro-Tina », presente nell’esposizione parigina. Con questo collier-garrota l’artista rivisita lo strumento di tortura in chiave sensuale, sulla linea sottile che divide ed unisce dolore e piacere. Un vero esempio di invenzione ma anche di maestria orafa e scultorea, in un inedito intreccio di materie preziose, materiali classici e contemporanei: oro, diamanti, acciaio, plexiglas. Una serie di piccole mani d’argento evocano il gesto della stretta, inseguendosi nel nodo centrale del fermaglio suggellato da uno splendido smeraldo dal taglio inedito e unico. 
 
 
E in un video ugualmente in mostra, tortura ironicamente la sua gallerista, Esther de Beaucé, con la sua opera, serrandogliela intorno al collo in un gesto quasi surrealista. Il collier « Botellum » e « l’Oeil de la Méduse », firmati Faust Cardinali, apportano nel catalogo (Ed.Flammarion) una visione più completa delle invenzioni di questo artista che ci trasporta sempre nel suo mondo straordinario. 
 
 
 

forse ti interessano...

Interviewing Mappie Edelsmid

By boldly choosing for a new and challenging direction, Mappie has obtained her goldsmith degree at ...leggi


Interviewing Izabela Chan

The brand’s concept is a construct of two worlds: The wanderlust and adventurous spirit, inspired ...leggi


Elisabetta Fontana: Modulando

I gioielli cinetici della linea Modulando (Cerchio nel cerchio; Rettangolo Aureo; Rettangolo Aureo ...leggi


Artelibro Festival del Libro d’Arte

Artistar Jewels, Artistar Annual 2013 e Design For 2013 editi dalla casa Editrice Fausto Lupetti ...leggi


Artistar Jewels svela i partecipanti dell’edizione 2016

Artistar Jewels inaugura l’edizione 2016 e presenta i nomi dei designer e dei brand che prenderanno ...leggi


Andrea Mori

in mostra dal 22 febbraio al 22 marzo 2022 da martedì a sabato h. 16 - 19 ...leggi


ALBERTO BURRI: Lo Spazio di Materia – tra Europa e U.S.A.

Una vasta ricognizione relativa alle più significative tendenze dell’arte contemporanea del secondo ...leggi


Guido Alimento. Scatti di natura geometrica

«Da sempre ho inteso la fotografia naturalistica come ricerca sulle origini del mondo, ...leggi




I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artistar.it Ulteriori informazioni