SELECT p.id as id, p.fk_id_user, p.fk_category, DATE_FORMAT(p.data, '%d.%m.%Y') as data, DATE_FORMAT(p.data_inizio, '%d.%m.%Y') as data_in, DATE_FORMAT(p.data_scadenza, '%d.%m.%Y') as data_out, p.data_inizio, p.data_scadenza, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_titolo,'it','it') as titolo, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_abstract,'it','it') as estratto, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_text,'it','it') as corpo, p.url_picture, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_mk,'it','it') as metakey, TXT_GET_MESSAGE(p.txt_md,'it','it') as metadesc, c.cat_it as cat FROM ar_posts p INNER JOIN ar_posts_categorie c ON p.fk_category = c.id WHERE p.published = 1 AND p.id = 0000000817
demo
ITA | ENG

Artistar - logo
demo

Omaggio a Gabriele Basilico Beirut 1991 ľ 2011

Inizio evento 05.06.2021 | Fine evento 25.09.2021


articoli pubblicati: 0
opere pubblicate: 0

Omaggio a Gabriele Basilico Beirut 1991 ľ 2011

Omaggio a Gabriele Basilico Beirut 1991 – 2011

Opening 5 giugno 2021

A partire dal 5 giugno e per tutto il periodo estivo, Studio la Città dedica un omaggio al celebre fotografo Gabriele Basilico, riservando alcune sale della galleria al suo lavoro sulla città di Beirut e alla proiezione del film Beyrouth Centre Ville, 1991 di Tanino Musso, inviato RAI a seguito di Basilico durante la missione fotografica nella città distrutta da una lunga guerra civile.

La mostra si inserisce all’interno di un programma più ampio, partito lo scorso aprile con la collettiva Today I would like to be a Tree e culminato con l’esposizione I am one acquainted with the night. Quest’ultima, realizzata in collaborazione con la galleria Tanit di Beirut, rimasta gravemente lesionata nell’agosto del 2020 dopo una terribile esplosione nella zona del porto, è ospitata nelle sale principali di Studio la Città in concomitanza con l’omaggio a Basilico.

 

 

Gabriele Basilico è stato invitato per la prima volta a Beirut nel 1991 dalla Fondazione Hariri assieme ad un gruppo internazionale di fotografi: Raymond Depardon, Fouad Elkoury, René Burri, Josef Koudelka e Robert Frank. L’obiettivo della missione era quello di documentare il “centre ville” della città, devastata da una guerra civile che durò oltre quindici anni.

Il 13 aprile 1975 a Beirut alcuni uomini armati a bordo di un’auto spararono dei colpi d’arma da fuoco contro un gruppo di persone, tra cui il leader del partito falangista Pierre Gemayel, che stava assistendo alla consacrazione di una chiesa. Qualche ora dopo i falangisti cristiani di Gemayel uccisero trenta palestinesi. È l’inizio della guerra civile libanese, che si concluse ufficialmente solo il 13 ottobre 1990. Si stima che 120mila persone morirono nel conflitto e circa un milione di libanesi furono costretti ad abbandonare le loro case. (fonte: Internazionale)

A Beirut Basilico tornerà altre tre volte: nel 2003, nel 2008 e nel 2011. Nel 2003 la rivista di architettura Domus, diretta da Stefano Boeri, gli propone di documentare la ricostruzione della città per vedute urbane corrispondenti alle riprese fotografiche realizzate nel 1991, per sottolinearne i cambiamenti attraverso il confronto con il passato.

Nel 2008 torna per l’inaugurazione di una sua mostra al Planet Discovery Center e, con l’occasione, continua comunque a documentare la ricostruzione della città, questa volta in modo più ampio e senza uno specifico incarico.

Nel 2011 è di nuovo la Fondazione Hariri che lo coinvolge per documentare la Beirut riedificata assieme a Fouad Elkoury (che aveva già fatto parte della missione del 1991), Klavdij Sluban e Robert Polidori.

In mostra una selezione di opere realizzate nel 1991 e un’unica fotografia del 2011, oltre al film/documentario dove Tanino Musso ripercorre la prima missione fotografica con gli occhi di Basilico.

Ufficio Stampa:  Studio la Città - +39 045597549 - ufficiostampa@studiolacitta.it

 

forse ti interessano...

L'arte di dipingere il giardino moderno

Sbarca sul grande schermo solo il 24 e 25 maggio la mostra Blockbuster della Royal Academy of Arts: ...leggi


XXII Edizione ContempoART 2016

Giunta alla sua XXII edizione "ContempoART" (2016): Incontri con l'arte contemporanea si prefigge ...leggi


Interviewing Silvia Cruceru

For me a piece of jewelry is not worn.You wear it to let yourself be carried into its world.It is ...leggi


Grafica d'Autore opere scelte

Inaugura il 22 Dicembre 2015 al CentroArteModerna di Pisa la mostra Grafica d'Autore opere scelte, ...leggi


Conceptual Photography. Fotografia Concettuale italiana e internazionale anni '60 /'70

La mostra antologica si arricchisce di altri numerosi e importantissimi protagonisti che hanno ...leggi


Fuoco Nero: Materia e Struttura Attorno e Dopo Burri

Il giorno 13 dicembre a Parma, al Salone delle Scuderie in Pilotta alle ore 18,30 si inaugurerÓ la ...leggi


Stage per Giovani Curatori

Marisa Merlin, curatrice di RicCAA, Biennale Internazionale di Arte e Design istituisce uno Stage ...leggi


midzo jewelry by Ivan Midzic creates jewels using metals

midzo jewellery by the croatian sculptor Ivan Mid×ic is hand crafted in various metals respecting ...leggi




I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Artistar.it Ulteriori informazioni